Ottone II e Ottone III a Roma: forme, linguaggi e simboli della presenza imperiale nella Città eterna

Ottone II e Ottone III a Roma: forme, linguaggi e simboli della presenza imperiale nella Città eterna

Stefano Manganaro (Pisa) and Riccardo Santangeli Valenzani (Roma Tre)
Stefano Manganaro (Pisa) and Riccardo Santangeli Valenzani (Roma Tre)

Nonostante tra il 980 e il 983 Ottone II abbia soggiornato a lungo a Roma e gravitato attorno a essa nel contesto della campagna militare da lui intrapresa in Italia meridionale, il rapporto di questo imperatore con la Città eterna è stato ampiamente trascurato dalla storiografia; né è stata d’impulso per gli studi la particolare circostanza che fa di Ottone II il primo e unico imperatore romano-germanico sepolto presso la basilica vaticana. Al contrario, il rapporto del figlio, Ottone III, con Roma è stato da sempre oggetto di una straordinaria attenzione storiografica. Questo intervento intende ripensare la relazione di Ottone II, prima, e di Ottone III, poi, con la città di Roma attraverso l’analisi di due ‘spazi monumentalizzati’, profondamente legati alle strategie della comunicazione simbolica: la tomba di Ottone II nel Paradisus di S. Pietro e il palatium che Ottone III fece erigere in un luogo di incerta identificazione, ma sicuramente collocato all’interno delle mura cittadine. L’analisi di questi spazi monumentalizzati si traduce, necessariamente, anche in un’analisi delle personalità che animarono la corte imperiale durante i soggiorni romani dei due sovrani e che potrebbero aver esercitato una influenza sui processi decisionali che portarono alla ideazione e alla realizzazione ora del sepolcro, ora del palatium.

This event will be in Italian.


A limited number of in-person spaces are available for this talk. If you would like to attend in-person at the BSR, please sign up here.

Please note that everyone attending an event in Rome must wear an FFP2 mask, pre-register for limited places ​using Eventbrite, and be required to present a Super Green Pass or equivalent (proof of vaccination or recovery from Covid within the past nine months).


Stefano Manganaro è assegnista di ricerca presso l’Università di Pisa, dove sta conducendo una ricerca dal titolo “I palatia dei re e degli imperatori nel regno italico. Forme, funzioni, tempi e spazi dei centri del potere regio dall’età carolingia a quella sveva (secc. VIII-XIII)”. Dopo aver conseguito il dottorato presso l’Istituto Italiano di Scienze Umane (SUM) di Firenze, ha ricoperto incarichi di insegnamento all’Università di Pavia e ha svolto attività di ricerca in Italia e in Germania, in particolare presso l’Istituto Italiano per gli Studi Storici di Napoli, il Deutsches Historisches Institut di Roma, la Forschungsstelle für vergleichende Ordensgeschichte di Dresden, l’Internationales Kolleg für Geisteswissenschaftliche Forschung di Erlangen, il Max-Planck-Institut für europäische Rechtsgeschichte di Frankfurt a. M., la Società Napoletana di Storia Patria e la Universität Leipzig. Nel 2020 ha conseguito l’abilitazione scientifica nazionale a svolgere le funzioni di professore di seconda fascia di Storia medievale. Le sue ricerche si concentrano sulla storia delle istituzioni medievali, con particolare riferimento all’Impero romano-germanico nella età degli Ottoni. Il lavoro di maggior impegno – “Stabilitas regni. Percezione del tempo e durata dell’azione politica nell’età degli Ottoni”, Bologna: Il Mulino, 2018 – ha ricevuto il Premio Galasso 2018. È tra gli investigatori del DFG-Netzwerk “Krise und Aufbruch. Das Zeitalter des Investiturstreites jenseits des Investiturstreites” e collabora con l’Abbazia S. Maria di Farfa nella ideazione di iniziative scientifiche per l’analisi delle istituzioni monastiche medievali. 


Riccardo Santangeli Valenzani è Professore Ordinario di Metodologia della Ricerca Archeologica all’Università degli Studi Roma Tre, dove insegna Archeologia Urbana e Archeologia Medievale. È stato per molti anni funzionario archeologo presso la Sovraintendenza ai Beni Culturali del Comune di Roma, partecipando in questo ruolo alla direzione scientifica di numerosi interventi di scavo e restauro, e in particolare ha seguito per quasi un ventennio il progetto di scavo del complesso dei Fori Imperiali, curando le edizioni degli scavi, pima di passare, nel 2007, all’insegnamento UniversitarioI suoi principali interessi di ricerca sono rivolti alla tarda antichità e all’altomedioevo, con particolare riferimento alle trasformazioni del paesaggio urbano, alla topografia di Roma e all’edilizia residenziale; su questi temi ha pubblicato numerosi contributi, i principali dei quali sono senz’altro il volume “Roma nell’alto medioevo – Topografia e Urbanistica della città dal V al X secolo, Roma (Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato) 2004” ed “Edilizia residenziale in Italia nell’Altomedioevo, Roma (Carocci Editore) 2011. Dal 2011 dirige, in collaborazione con gli organi di tutela del Ministero per i Beni Culturali e Ambientali, gli scavi nell’Anfiteatro Flavio e nel templum Pacis; il più recente frutto di questo progetto è la cura del volume “Anfiteatro Flavio. Riusi e trasformazioni” (Electa, 2018).

Latest Events

Latest Events

ITALY
BSR Autumn Open Studios 2022
Following the opening night, artists’ studios will be open by appointment only until Wednesday 14 December 15.00–19.00 (closed on Sunday). Contact Fine Arts Curator, Marta
Wednesday 7/12/2022
18:00
ITALY
Actors in the Academies of Early Modern Italy
This workshop considers the role of actors within the academies that proliferated across Italy from c.1500-1650. These spaces were distinctive for their social hybridity and
Tuesday 13/12/2022
14:00
ITALY
The changing face of the Eastern Caelian: Recent work by the ‘Rome Transformed’ Team
In 2019, colleagues from the British School at Rome, the University of Florence, the Consiglio Nazionale delle Ricerche and Newcastle University launched the ERC-funded ‘Rome
Wednesday 14/12/2022
18:00

Search